IN MEMORIA DI LORENZO GURIOLI

Si ritiene comunemente che l'aridità della matematica non si concili con la dolcezza e l'espressività della musica. Non era così nella personalità del Rag. Lorenzo Gurioli, deceduto pochi giorni fa,autodidatta musicale e fondatore del Coro "Casa della Carità".

Rigido programmatore, forse anche per deformazione professionale, sicuro dei propri convincimenti e pareri, scioglieva e stemperava questa sua fermezza nell'ammirazione estatica per la musica, che aveva amato fin dalla gioventù tanto da imparare a suonare abilmente il pianoforte. Come volontario della Casa della Carità, ebbe l'incarico di provvedere alla liturgia musicale e, pian piano, contagiò in tal modo altri volontari che furono trascinati dalla sua passione.

Nei primi incontri, che si tenevano in una stanza fatiscente dell'Ex-Convento dei Cappuccini, li coinvolgeva esaltando, con la sua pignoleria, i pregi e le armonie delle melodie sacre, anche le più comuni. Fu così che "Renzo" coagulò attorno a sé altri appassionati e di conseguenza il piccolo gruppo crebbe, fino ad avere l'ardire dei primi concerti, tenuti nella Chiesa dei Cappuccini durante le festività per la ricorrenza di S.Antonio, concerti che egli, in qualità di Direttore, eseguì con molta maestria.

In seguito all'ampliarsi dell'iniziativa che portò alla formazione dell'attuale Coro, decise con grande umiltà di passare la mano ad altri, continuando però a frequentare il gruppo, con spirito critico e nel contempo costruttivo.

E' stata, la Sua, una presenza determinante. Il ricordo che lascia non è solo quello di una piacevole esperienza culturale, ma anche e soprattutto di un'amicizia che il tempo non potrà scalfire. Gli amici del Coro "Casa della Carità".

Torna alla HOME PAGE